CONTENUTO DI METALLI IN PIANTE OFFICINALI FRESCHE A CRESCITA SPONTANEA E NELLE LORO TINTURE MADRI E MACERATI GLICERICI

Home / CONTENUTO DI METALLI IN PIANTE OFFICINALI FRESCHE A CRESCITA SPONTANEA E NELLE LORO TINTURE MADRI E MACERATI GLICERICI

Presso l’Università degli studi di Torino, dipartimento di scienza e tecnologia del farmaco è stata effettuata una tesi di laurea con il seguente titolo: “Contenuto di metalli in piante officinali fresche a crescita spontanea e nelle loro tinture madri e macerati glicerici”; tale tesi è stata poi pubblicata sulla rivista: “Journal of pharmaceutical and biomedical Analysis”.
Obiettivo primario di tale lavoro era di confermare o meno la presenza di elementi potenzialmente tossici già a basse concentrazioni (As, Cd, Cr e Pb) nei campioni di gemme ed altre parti vegetali raccolte in zone lontane da insediamenti urbani ed industriali.

In questa prima ipotesi di lavoro si è stabilita l’assenza di tali elementi a concentrazioni rilevabili, giustificando la scelta di GEALPHARMA di raccogliere vegetali a crescita spontanea in zone non inquinate.
Un secondo obiettivo era valutare la relazione tra quantità di analiti ancora presenti nelle droghe (gemme od altre parti) e la quantità estratta dai solventi e rilevabile nei prodotti finiti (macerati glicerici e Tinture Madri).
Al termine dello studio si è concluso:
Sia nelle TM che nei Macerati glicerici la maggior parte degli analiti hanno concentrazioni molto basse rispetto alle concentrazioni rilevate nella droga, pertanto si può concludere che le due tecniche di estrazione non sono idonee a portare in soluzioni ioni inorganici
In generale le parti vegetali diverse dalle gemme sono più ricche in analiti, ma nonostante ciò i Macerati glicerici ottenuti dalle gemme hanno una percentuale maggiore di analiti, ciò è probabilmente dovuto al solvente in grado di captare maggiormente il contenuto in ioni metallici.
Confrontando il contenuto di analiti presenti nelle gemme e nei fiori della stessa pianta si è osservato una concentrazione maggiore di analiti nei fiori rispetto alle gemme; confrontando radici e foglie (sempre della stessa pianta) si è osservata una maggiore concentrazione di tutti gli analiti nelle radici.
Gemme di piante con caratteristiche macroscopiche simili hanno andamento delle concentrazioni di analiti simili
Nel prodotto finito , e non nella droga, è presente una concentrazione quasi costante di Sn, probabilmente rilasciata dai contenitori in acciaio inox utilizzati per lo stoccaggio
In generale la procedura GEALPHARMA seguita per la preparazione delle TM e dei MG non provoca un significativo apporto di metalli ed altri elementi nei prodotti finite

Start typing and press Enter to search